Agrogenia International
Agrogenia International

BIOFERTILIZZAZIONE (BIOFERTILIZZANTI CON RIZOBATTERI PGPR) - BIOFABRICCHE DI UREA

   

    L’utilizzo di microorganismi rizosferici per la ferrilizzazione delle piante si sta convertendo nello strumento ideale per l’agricoltore per orientarsi verso delle pratiche piú sostenibili. I biofertilizzanti a base di funghi e batteri attuano a livello di suolo comportandosi come fabbriche di nutrienti in miniatura. Fissano il nitrogeno atmosferico (identico a come fa il rhizobium nei legumi), solubilizzano fosforo, mobilizzano potassio ed altri microelementi (ferro, manganesio, zinco, ecc....). Allo stesso modo, gli studi scientifici avvallanno il fatto che l’utilizzo di batteri sia benefico per i suoli e per le coltivazioni.

RIZOBATTERI: i rizobatteri PGPR della Tecnologia FullSoil® colonizzano la radice e la sua zona di influenza (suolo rizosferico). I rizobatteri benefici, conosciuti piú comunemente con l’acronimo di PGPR (Plant Growth Promoting Rhizo bacteria), giocano funzioni chiave per la pianta tali come:

  • Biofertilizzanti.
  • Stimolazione della germinazione dei semi e del radicamento.
  • Fitostimolatori.
  • Miglioramento della struttura del suolo.

Tutti questi insieme con i benefici delle micorrize, danno luogo alla Tecnología FullSoil©.

I meccanismi di azione dei PGPR si possono classificare in diretti ed indiretti.

 

     1.-MECCANISMI DIRETTI: I batteri somministrano determinati composti alla pianta facilitando la captazione dei nutrienti solubili del suolo.

  • Fissazione di nitrogeno.
  • Solubilizzazione di fosfati.
  • Produzione di regolatori di crescita vegetale come auxina, giberelinas e citoquininas.
  • Inibizione di sintesi di etileno. Aumento della permeabilitá della radice.

 

     2.-MECCANISMI INDIRETTI: Anche i batteri producono sostanze capaci di mobilizzare nutrienti di tipo aminoacidi, siderofori o acidi organici che liberano fosforo, ferro e/o alluminio.

  • Influiscono nella produzione di fitoalexinas (composti utilizzati per la pianta come difesa) come risposta indotta per polisacaridi prodotti per batteri intorno alla radice.
  • Produzione di antibiotici e cianuro di idrogeno che generano una decrescita nella popolazione di fitopatogeni.
  • Idrolisi di molecole prodotte da patogeni come acido fusarico per liberare 1-3-glucanasa inibendo lo sviluppo della parete fuingica di funghi come per esempio Phytium ultimun y Rhizoctonia solani.

Llamar